mercoledì 16 gennaio 2008

Lettera aperta alla Rai

Cara Rai,
lo sai, ti voglio (abbastanza) bene. Mi fai passare un po' di tempo senza pensare con programmi simpatici e comunque quasi sempre adatti anche ai più piccoli, mi aiuti a pensare e a tenermi informato con programmi un po' più impegnati ma decisamente interessanti, riesci ad avere (ogni tanto) anche idee originali che creano grande divertimento e scalpore mediatico!
Ma se mi capita ancora di sentire al tg o di vedere Vespa che da dietro un cumulo di immondizia fa l'ennesimo spot per i TERMOINCENERITORI (perchè è così che si chiamano e non termovalorizzatori che è una parola inventata da politici e pseudoindustriali nostrani per renderli sovvenzionabili con i nostri soldi al pari dei pannelli solari) ti giuro che i soldi del canone non li vedrai mai più. Non è possibile sentire i politici che parlano di queste cose quando, ad esempio, "striscia la notizia" (che peraltro non mi sta neanche tanto simpatica) ha dimostrato che le stesse persone non sanno neanche cos'è la raccolta differenziata. Mi chiedo perché nessuno, ad esempio, abbia parlato di impianti per il trattamento meccanico biologico (TMB) che fanno la stesa cosa degli inceneritori senza però bisogno di bruciare niente e quindi mandano in discarica un rifiuto stabilizzato. Mi chiedo perché nessuno (o quasi) parli di "rifiuti zero" o di come città come Los Angeles si stiano velocemente avviando verso questo obbiettivo (e non paesini della grandezza di Liettoli o Campodoro). La risposta è troppo facile: perché sono degli incompetenti, perché parlano per sentito dire o per far vedere al mondo che anche loro hanno una bocca, perchè i giornalisti non verificano più le notizie e si limitano a dire quel che fa più comodo al politico di turno. Quindi, cara Rai, meno "Ecoballe" e magari trasmetti qualche puntata in più di Benigni con Dante e meno di Porta a Porta. Lo dico per il tuo bene, per la tua credibilità.
Con affetto.
PS: quando ci decidiamo a dar novo lustro a "Giochi senza frontiere"? Quelli sì erano programmi che si guardavano volentieri, non l'Isola dei famosi...

Nessun commento: