venerdì 27 giugno 2008

Concorso!!!

Volete vincere un IPhone? Sì, proprio uno di quelli 3G che stanno per essere messi in commercio anche in Italia e che costano questi 500 "eurini"? Allora non perdete tempo e cliccate sul banner qui sotto per iscrivervi al concorso! Ho controllato il regolamento ed è tutto in ordine! Buona fortuna!!!

banner per la sponsorizzazione
Iphone gratis occasione premio vinci gratuito

giovedì 26 giugno 2008

Roseto di Santa Giustina


Ieri pomeriggio, preso da un momento di sconforto da studio, sono andato a fare un giro in bici. Ne ho approffittato per visitare il nuovo roseto creato dal comune sopra il bastione di Santa Giustina. Il giardino è di piccole dimensioni, ma risulta curato in tutti i suoi aspetti ed è molto piacevole fare due (proprio due) passi al suo interno e gustare il percorso creato fra le molteplici specie di rose.
Posted by Picasa

Energia e democrazia



Si potrebbe dire che tutto questo sia un bel discorso utopistico, ma in Germania c'è un comune che già sta mettendo in pratica tutto ciò: La rete è pubblica, ognuno produce la sua elettricità e il surplus viene venduto (qui il video tratto da "Report" del 16 marzo).

lunedì 23 giugno 2008

domenica 22 giugno 2008

Shy


Where the hell is Matt?

Vi avevo già postato un video di questo signore tempo fa.
Ora è uscita la danza del 2008. Questo suo curioso ballo fatto in giro per il mondo, si arricchisce quest'anno di un nuovo significato. Ora Matt non balla più da solo!
Il video è spettacolare, quasi commovente! Ve lo consiglio proprio!



Vi dico la verità: provo un po' di invidia per chi riesce a fare queste cose.

giovedì 19 giugno 2008

Recensione: Ti Rincontrerò

Con la speranza che l'esame di oggi sia andato bene, oggi pomeriggio sono andato a fare un giro in bici. Non tanta strada, ma il poco allenamento e il caldo mi hanno mezzo distrutto: urge il programmare altri giri e altre attività fisiche nella massima quantità possibile nei prossimi giorni!

Tornando a noi, vi avevo promesso la recensione di "Ti rincontrerò".
Ovviamente non sono un tecnico, ma le orecchie per ascoltare ce le ho e sono anche buone (non si spiegherebbe altrimenti perché quando qualcuno canta alcuni miei amici si girino verso di me e chiedano "è bravo?"), quindi non lamentatevi troppo se non siete d'accordo.

Partiamo da una considerazione generale: le canzoni non sono, per la maggior parte, brutte, e non vedo come potrebbero esserlo visto che si tratta di un cd fatto quasi interamente di cover. Ovviamente è lapalissiano come il nostro "eroe" non centri per nulla nella scelta delle tracce. Diventerebbe a questo punto difficile commentare un cd che di personale non ha proprio nulla se non fosse che, a mio avviso, è cantato davvero male!
Per molte di queste canzoni il "valore aggiunto" che ci si aspetta da questo tipo di album dovrebbe stare in un arrangiamento innovativo e nella voce del cantante che dovrebbe dare nuova vita alla canzone; purtroppo, nella maggior parte dei casi, avviene l'esatto opposto: arrangiamento banale e sottotono e approssimazione quasi imbarazzante nel canto. Ora, se si vuol ascoltare un po' di musica senza troppe pretese, magari mentre si fa le faccende di casa o mentre si ha la testa immersa nella vasca, tutto va bene, ma non venitemi a dire che Marco Carta è un cantante!

Passiamo ai voti canzone per canzone:
Per Sempre: è l'inedito uscito da "Amici" di Maria De Filippi. Si nota come la canzone sia stata preparata con una certa calma e sulla voce di Marco, senza pretese ma funziona. 7
Anima di Nuvola: mi lascia del tutto indifferente, anzi mi invoglia ad andare avanti veloce. 5
Un grande libro nuovo: ma non l'avevo mandata avanti questa canzone? Ah no! E' un'altra... Ma chi li ha fatti sti arrangiamenti?! Sono tutte uguali! 4,5
Ti rincontrerò: arriva il pezzo forte! Questo è il singolo! Il non plus ultra del cd! Bhe... Se chiudete gli occhi e vi immaginate il Carta in sala di registrazione, vi assicuro che sarà facilissimo vederlo mezzo spaurito che guarda qualcuno che gli dia gli attacchi. Quel posticipare gli attacchi, che dovrebbe dare maggior patos, rovina tutto. 4
A chi: forse è una delle canzoni che è stata modificata di meno rispetto all'originale per quanto riguarda l'arrangiamento e proprio per questo funziona. Resta il fatto che non dia niente più dell'originale, ma tantè. 6,5
E tu: stesso discorso di prima. 6
Ti pretendo: il confronto con Raf nel parlato è impietoso. Lo salvo solo perchè mi piace la canzone. 6
Cielo nel Cielo: buono l'arrangiamento, eccessivi i "virtuosismi" usati per dare un po' di colore alla canzone che invece risulta un po' più approssimativa. Bisogna lavorare ancora sulle note basse che risultano ancora un po' "vuote". 5
La donna cannone:
ecco il vero "pezzo forte" del cd. Si vede che a forza di cantarla e ricantarla ad "Amici", alla fine ci ha creduto davvero e si sente. Espressivo, pulito, non eccessivo. Peccato che sia la penultima canzone del cd... 8
Vita:
qui ho qualche difficoltà a capire se è più scandaloso Marco Carta o Luca Jurman. Davvero, non centrano nulla l'uno con l'altro. E per fortuna che Luca è un professionista... 2

Sicuramente in tutto l'album di fastidioso c'è una cadenza dialettale troppo accentuata. E non basta "un timbro" per farlo dimenticare (a quale timbro si riferiscano poi tutti mi è un mistero... forse a quello delle poste...)

Non accetto scuse tipo "ma anche Vasco Rossi..." per il semplice fatto che Vasco Rossi (e i tre quarti di nomi che potreste dirmi) non sono cantanti, ma cantautori, quindi la mera esecuzione passa in secondo piano rispetto alla musica e ai testi. Non accetto nemmeno scuse del tipo "ma l'ha in un mese" semplicemente perché se pago per un prodotto, qualunque esso sia, mi aspetto che sia fatto con la massima qualità possibile, e perché non glielo ha imposto il dottore di metterci solo un mese!

Manca il voto complessivo: facendo la media matematica verrebbe rimandato a settembre... Vi prego; risparmiatemi dal doverlo riascoltare!

mercoledì 18 giugno 2008

Ignudi fra i nudisti

Elio e le Storie Tese, con la straordinaria partecipazione di Giorgia, superano sempre di più se stessi! Questo giro, oltre alla loro "solita" musica "nazionaldemenziale", troviamo anche un arrangiamento e una pulizia nell'esecuzione sempre maggiore! Fenomenale!

Elio e le Storie Tese - Ignudi fra i nudisti


Pensate che al primo ascolto non avevo neanche riconosciuto Giorgia! Pazzesco!
Voto alla canzone: 8!

PS: dopo aver letto una recensione su soundblog e relativo centinaio di commenti riguardante quell'ottuso di Marco Carta (che osa definirsi un cantante), ho avuto la malsana idea si ascoltare il "suo" (virgolettato perchè di suo c'è giusto la voce) cd. Onde evitare che l'ascolto sia stato vano, presto farò una recensione, giusto perché non si può sempre parlare di bella musica; alle volte ci vuole qualcuno che ci ricordi che non è tutto rose e fiori...

Periodo d'esami

Domani giornatina non proprio leggera...
Se lo scritto di questo esame va come deve andare, c'è la possibilità che quest'anno riesca a fare il camposcuola (il che non mi dispiacerebbe visto che sono un paio d'anni che non riesco a d andare)...
Ricordatevi di dire una preghierina anche per me e non solo per i maturandi... ;-)

martedì 17 giugno 2008

Oggi entrerete a far parte della storia con Firefox

Download Day - Italian

Siete pronti per entrare a far parte della storia? Siete pronti per raggiungere un record mondiale? Oggi è il Download day. Per partecipare al Guinness dei Primati ufficiale dovrete scaricare Firefox 3 entro le 19:00 (ora italiana) del 18 Giugno, 2008.

Mappa delle Adesioni

lunedì 16 giugno 2008

Censura dell'informazione

Oggi sembra proprio non mi riesca di studiare e quindi ecco che vi propongo un video un po' lungo su quello che è l'informazione in Italia. E' molto interessante e, se siete interessati alle vicende giudiziarie e all'informazione, fa al caso vostro. In caso contrario saltatelo.
In ogni caso vi faccio un riassunto veloce veloce: il blog di un giornalista calabrese di 23 anni è stato chuso da un giudice per i suoi giudizi poco positivi sull'operato dei politici della sua regione.




Ici? Sì, come no...


Inizia a saltare fuori da dove il governo prenderà i soldi per poter eliminare l'ici.
Un primo taglio si è avuto sulla sicurezza stradale: il precedente governo Prodi aveva stanziato per tale argomento la rispettosa somma, anche se non ancora sufficiente, di 53 milioni di euro. Ora il taglio previsto è di 17,5 milioni. Significa che ora, per ogni incidente, è previsto un investimento di ben 60 centesimi...
Purtroppo le cattive notizie non finiscono qui: sempre per fronteggiare l’abolizione dell’ICI sulla prima casa, sono stati annullati gli stanziamenti di altri 618 milioni destinati ad incentivare il processo di spostamento del traffico pesante stradale verso il trasporto marino ( -241 milioni) e per lo sviluppo del trasporto pubblico locale (-377 milioni). E tutto questo per un provvedimento (quello del taglio dell'ici) in buona parte già effettuato dal governo precedente. Viva l'Italia...

[via autoblog]

lunedì 9 giugno 2008

Europei 2008

Non sono un tifoso sfegatato, anzi. Sì potrebbe dire che il calcio non mi interessa proprio per niente. Ciò nonostante non mi tirerò indietro nel commentare la partita di questa sera.
E l'unica cosa che si può dire della nazionale è che, al solito, sono i meglio vestiti... Sulla prestazione atletica è meglio sorvolare...
Domani, se ho tempo, vi descriverò il primo "giretto pseudoserio" in bici dell'estate.

Il piccolo principe


In quel momento apparve una volpe.
"Buon giorno," disse la volpe.
"Buon giorno," rispose gentilmente il piccolo principe, voltandosi: ma non vide nessuno.
"Sono qui" disse la voce, "sotto il melo..."
"Chi sei?" domandò il piccolo principe, "se molto carino..."
"Sono una volpe," disse la volpe.
"Vieni a giocare con me," le propose il piccolo principe, "sono così triste..."
"Non posso giocare con te," disse la volpe, "non sono addomesticata."
"Ah! Scusa," fece il piccolo principe.
Ma dopo un momento di riflessione soggiunse:
"Che vuol dire addomesticare?"
"Non sei di queste parti, tu," disse la volpe, "che cosa cerchi?"
"Cerco gli uomini," disse il piccolo principe. "Che cosa vuol dire addomesticare?"
"Gli uomini," disse la volpe, "hanno dei fucili e cacciano. E' molto noioso! Allevano anche delle galline. E' il loro solo interesse. Tu cerchi delle galline?"
"No," disse il piccolo principe. "Cerco degli amici. Che cosa vuol dire addomesticare?"
"E' una cosa da molto dimenticata. Vuol dire creare dei legami..."
"Creare dei legami?"
"Certo," disse la volpe. "Tu, fino a ora, per me, non sei che un ragazzino uguale a centomila ragazzini. E non ho bisogno di te. E neppure tu hai bisogno di me. Io non sono per te che una volpe uguale a centomila volpi. Ma se tu mi addomestichi, noi avremo bisogno l'uno dell'altro. Tu sarai per me unico al mondo, e io sarò per te unica al mondo."
"Comincio a capire,"disse il piccolo principe. "C'è un fiore... credo mi abbia addomesticato..."
"E' possibile," disse la volpe. "Capita di tutto sulla Terra..."
"Oh! Non è sulla Terra," disse il piccolo principe.
La volpe sembrò perplessa:
"Su un altro pianeta?"
"Sì."
"Ci sono dei cacciatori su questo pianeta?"
"No."
"Questo mi interessa! E delle galline?"
"No."
"Non c'è niente di perfetto," sospirò la volpe. Ma la volpe ritornò alla sua idea:"La mia vita è monotona. Io do la caccia alle galline, e gli uomini danno la caccia a me. Tutte le galline si assomigliano, e tutti gli uomini si assomigliano. E io mi annoio perciò. Ma se tu mi addomestichi, la mia vita sarà come illuminata. Conoscerò un rumore di passi che sarà diverso da tutti gli altri. Gli altri passi mi fanno nascondere sotto terra. Il tuo, mi farà uscire dalla tana, come una musica. E poi, guarda! Vedi, laggiù in fondo, dei campi di grano? Io non mangio il pane, e il grano, per me è inutile. I campi di grano non mi ricordano nulla. E questo è triste! Ma tu hai dei capelli color dell'oro. Allora sarà meraviglioso quando mi avrai addomesticato. Il grano, che è dorato, mi farà pensare a te. E amerò il rumore del vento nel grano..."
La volpe tacque e guardò a lungo il piccolo principe:"Volentieri," disse il piccolo principe, "ma non ho molto tempo, però. Ho da scoprire degli amici, e da conoscere molte cose".
"Non si conoscono che le cose che si addomesticano," disse la volpe. "Gli uomini non hanno più tempo per conoscere nulla. Comprano dai mercanti le cose già fatte. Ma siccome non esistono mercanti di amici, gli uomini non hanno più amici. Se tu vuoi un amico addomesticami!"
"Che cosa bisogna fare?" domandò il piccolo principe.
"Bisogna essere molto pazienti," rispose la volpe. "In principio tu ti sederai un po' lontano da me, così, nell'erba. Io ti guarderò con la coda dell'occhio e tu non dirai nulla. Le parole sono una fonte di malintesi. Ma ogni giorno tu potrai sederti un po' più vicino..."
Il piccolo principe ritornò l'indomani. "Sarebbe stato meglio ritornare alla stessa ora," disse la volpe. "Se tu vieni, per esempio, tutti i pomeriggi alle quattro, dalle tre io comincerò ad essere felice. Col passare dell'ora aumenterà la mia felicità. Quando saranno le quattro, incomincerò ad agitarmi e ad inquietarmi; scoprirò il prezzo della felicità! Ma se tu vieni non si sa quando, io non saprò mai a che ora prepararmi il cuore... Ci vogliono i riti."
"Che cos'è un rito?" disse il piccolo principe.
"Anche questa è una cosa da tempo dimenticata," disse la volpe. "E' quello che fa un giorno diverso dagli altri giorni, un'ora dalle altre ore. C'è un rito, per esempio, presso i miei cacciatori. Il giovedì ballano con le ragazze del villaggio. Allora il giovedì è un giorno meraviglioso! Io mi spingo sino alla vigna. Se i cacciatori ballassero in un giorno qualsiasi, i giorni si assomiglierebbero tutti, e non avrei mai vacanza."
Così il piccolo principe addomesticò la volpe. E quando l'ora della partenza fu vicina: "Ah!" disse la volpe, "... piangerò."
"La colpa è tua," disse il piccolo principe, "io, non ti volevo far del male, ma tu hai voluto che ti addomesticassi..."
"E' vero," disse la volpe.
"Ma piangerai!" disse il piccolo principe.
"E' certo," disse la volpe.
"Ma allora che ci guadagni?"
"Ci guadagno," disse la volpe, "il colore del grano."
Poi soggiunse: "Va' a rivedere le rose. Capirai che la tua è unica al mondo. Quando ritornerai a dirmi addio, ti regalerò un segreto."
Il piccolo principe se ne andò a rivedere le rose. "Voi non siete per niente simili alla mia rosa, voi non siete ancora niente," disse. "Nessuno vi ha addomesticato, e voi non avete addomesticato nessuno. Voi siete come era la mia volpe. Non era che una volpe uguale a centomila altre. Ma ne ho fatto il mio amico ed ora è per me unica al mondo".
E le rose erano a disagio. "Voi siete belle, ma siete vuote," disse ancora. "Non si può morire per voi. Certamente, un qualsiasi passante crederebbe che la mia rosa vi rassomigli, ma lei, lei sola, è più importante di tutte voi, perché è lei che ho innaffiata. Perché è lei che ho messa sotto la campana di vetro. Perché è lei che ho riparata col paravento. Perché su di lei ho uccisi i bruchi (salvo i due o tre per le farfalle). Perché è lei che ho ascoltato lamentarsi o vantarsi, o anche qualche volta tacere. Perché è la mia rosa".
E ritornò dalla volpe. "Addio," disse.

"Addio", disse la volpe. "Ecco il mio segreto. E' molto semplice: non si vede bene che col cuore. L'essenziale è invisibile agli occhi".

"L'essenziale è invisibile agli occhi", ripeté il piccolo principe, per ricordarselo.

"E' il tempo che tu hai perduto per la tua rosa che ha fatto la tua rosa così importante".

"E' il tempo che ho perduto per la mia rosa..." sussurrò il piccolo principe per ricordarselo.

"Gli uomini hanno dimenticato questa verità. Ma tu non la devi dimenticare. Tu diventi responsabile per sempre di quello che hai addomesticato. Tu sei responsabile della tua rosa..." "Io sono responsabile della mia rosa..." ripeté il piccolo principe per ricordarselo.

sabato 7 giugno 2008

Errori

Dobbiamo dire la verità: siamo talmente tanto assuefatti a Windows che se improvvisamente dovessero sparire le schermate di errore, noi rimarremmo stupiti e spaesati. Nella maggior parte dei casi queste schermate riportano solo un numero (che non vuol dire niente), altrre volte sono decisamente più... artistiche!
Il video è in inglee, ma alcune frasi sono dei veri spettacoli: come, ad esempio, "qualche tipo di errore", oppure "operazione completata con successo" (che nel caso di winsows non può essere che un errore ;-) )


giovedì 5 giugno 2008

Flavia

Evvai! Mi ha telefonato la Signora Flavia.
Per chi non lo sapesse, la Signora Flavia è una geometra amica della mamma della Cla. Una persona squisita, che mi ha proposto un piccolo lavoretto... adesso vedremo come va a finire!

martedì 3 giugno 2008

Muri fioriti


Alle volte il design è un po' barocco con le se decorazioni a fiori, ma questa carta da parati è davvero simpatica: in base al calore l'arbusto disegnato fiorirà! Ecco che in inverno avremo solo foglie e pochi fiori attorno ai termosifoni per poi colorare di rosa nelle calde giornate estive.

Di Risio: Magica

Nuovo singolo per Luca Di Risio. La canzone è molto orecchiabile e ha una bella melodia, ottima come sottofondo di viaggi tranquilli. Buon ascolto.