sabato 26 luglio 2008

Partenza

Si parte.
Domani, dopo pranzo, parto per Bressanone. No, non è il massimo delle mete turistiche, anche se molti dicono che è molto bella, ma non vado là per far vacanza... Si va a studiare. Ho trovato una camera in un convento di suorette che parlano quasi solo tedesco, bagno in comune con un altro ragazzo e.. non ho una cucina! Come farò 15 giorni senza potermi cucinare niente di "sano"? Come farò tutti i giorni in bar, pub, trattorie e simili? Due sono le cose: o dimagrisco (finalmente) oppure ingrasso rimpinzandomi di schifezze!
Il problema maggiore resta comunque lo studio di questa malefica materia che è Scienza delle costruzioni e ancor più malefico è il prof...
Auguratemi buona fortuna!
Ps: se qualcuno volesse venirmi a trovare una giornata, è il benvenuto. Basta che mi avvisi al cellulare!
See you!

martedì 15 luglio 2008

cioè?

"Il nichilismo fotogrammetrico della disciplina semantica egemone dei semantici danteschi è sicuramente, certamente, assolutamente lapalissiano!"

;-)

lunedì 14 luglio 2008

La gentilezza delle piante

urante un giro in montagna mi è capitato di leggere questo messaggio scritto su un tronco tagliato di una conifera. Lì di fianco c'era un percorso formato da corde e ponti attaccati agli alberi chiamato "Agility Forest". Cliccare per ingrandire la foto.


Alle volte ritorno.


Era un pezzo che non scrivevo più sul blog. Magari qualcuno potrà pensare che è normale in estate. Magari penserete che sono stato in vacanza in qualche posto lontano e con tantissimo sole, dove le palme fanno da ombrelloni e la sabbia è così fine che ti si infila in pieghe della pelle che ignoravi di avere.

Magari... Quest'anno non si stacca. A breve si danno gli ultimi esami della sessione e ci si prepara per andare a seguire una specie di corso di recupero.
Mi auguro che a voi vada un po' meglio.
In compenso mi sono preso una giornata ogni tanto per muovermi un po'. Erano alcuni anni che non andavo a Teolo in bici. Mi ha fatto piacere vedere che sono ancora capace di arrivare in cima senza fermarmi a metà della salita! Ho trovato anche qualche pazzo che venga via con me. Nei prossimi giorni, in programma, c'è un giro o a Fusina o al Lido.

Il valore dell'informazione 3

Ed eccoci a quello che secondo me non può essere chiamato informazione. Qui siamo oltre al servilismo, qui si potrebbe benissimo parlare di dittatura. Cose del genere non si vedono neanche in Corea...



Ricordo che Rete4 trasmette abusivamente sfruttando le frequenze che dovrebbero appartenere a Europa7 e che per questo motivo l'Europa ci ha messo in mora. La multa (o canone rete4 come mi piace chiamarlo) è pari a 350.000 € al dì. Ad oggi, non mandare Fede sul satellite, ci è costato 323.750.000! Sai infrastrutture che si facevano con quei soldi?...

Il valore dell'informazione 2

Quante volte negli ultimi mesi abbiamo sentito dire che il nucleare è l'unica possibilità per l'indipendenza energetica del nostro paese? Quante volte abbiamo sentito dire che l'incenerimento e la discarica sono le uniche soluzioni per il problema dei rifiuti di Napoli?
I due quesiti sembrano scollegati fra di loro, ma in fondo c'è sempre un sostanziale problema di informazione. Ecco pochi fatti per farci un'idea di quel che sto dicendo.

Nucleare: maggioranza e opposizione sono d'accordo sul fatto che debbano essere costruite nuove centrali nucleari in Italia per produrre almeno il 20% dell'energia necessaria al Paese. Omettono di dire che per produrre questo famigerato 20% occorrerebbero la bellezza di una ventina di centrali nucleari (una per regione).
I nostri politici dicono che il nucleare costa poco e che tutti i paesi del mondo si stanno muovendo in questa direzione. Omettono di dire che in realtà costa poco se non si considera l'enorme costo per la costruzione delle centrali e ancora più grande costo per la loro dismissione. Mentono spudoratamente quando dicono che tutto il mondo va in questa direzione in quanto, ad esempio, Germania e Spagna puntano molto sulle rinnovabili (solare, eolico e idroelettrico) e stanno cercando di dismettere le loro centrali nucleari.
Dicono che le scorie non sono un problema. Infatti dobbiamo ancora smaltire quelle delle centrali costruite prima del referendum e i rifiuti ospedalieri radioattivi sono sempre un problema. Tutti dimenticano di dire che le centrali nucleari hanno bisogno di grandissime quantità d'acqua per il raffreddamento dei motori e in caso di siccità questi dovrebbero essere spenti. Nessuno dice che, se veramente al mondo si puntasse su questa tecnologia, probabilmente l'uranio sarebbe esaurito prima ancora del petrolio. Nessuno dice che in Italia abbiamo tanto uranio quanto petrolio e quindi resteremmo dipendenti dagli altri. Tutti si affrettano a dire che il nucleare è sicuro.

Nessuno dice che in Francia, due anni fa, la moria di anziani che c'è stata per il gran caldo è da attribuirsi al solo parziale funzionamento delle centrali dovuto proprio alla siccità.
Nessun telegiornale ha riportato in tempo reale la notizia dell'incidente successo in Francia (non in Corea o Lettonia) classificato come minimo ma che ha dimostrato ancora una volta la vera sicurezza degli impianti.
Nessuno ha riportato dell'incidente successo in Svezia dove per errore umano è stato dato fuoco al tetto della sala adiacente al reattore...

Caso spazzaura:
durante un dibattito di Radio 24 a Bertolaso, viene riportato il modo in cui vengono smaltiti i rifiuti a Tel Aviv e come dalla quasi totalità di questi vengano ricavate nuove materie prime ed energia con bel poco sforzo. Bertolaso replica chiedendo quanti rifiuti vengano smaltiti in questa maniera insinuando che non siano più di poche tonnellate al giorno. La risposta del sindaco di Tel Aviv è sorprendente perchè parla di quantità ben superiori a quelle di Napoli. Il sistema non prevede nessuna divisione da parte del citadino e la separazione viene effetuata successivamente in un impianto del tutto meccanizzato. Ciò nonostante, durante una conferenza col presidente del consiglio resterà dell'idea che quella è una soluzione non applicabile ai volumi di Napoli...
In Canada dai rifiuti viene ricavato Biodiesel. Avete mai sentito un giornalista che ne parlasse?

Il valore dell'informazione

Durante questa settimana, a Roma, si è svolto il "No Cav Day" ovvero una manifestazione di piazza dove l'obbiettivo era quello di dimostrare che ne abbiamo le tasche piene di leggi vergogna e "ad personam". Visto che piazza Navona non è infinita e più di centomila (immagino) persone non ci stanno, è ovvio che uno si aspetti, magari, un piccolo resoconto di quello che è accaduto durante un tg (che non sia qello di Fede, ammesso e non concesso che si possa chiamare tg). Questa volta il resoconto c'è stato: una sparuta massa di perditempo che insieme a Di Pietro, Sabina Guzzanti, Grillo, Travaglio si limitano a dire cose oscene e a insultare il Papa e il presidente della Repubblica. Con non poca perplessità vado su YouTube, inserisco le paroline magiche, ed ecco saltare fuori tutti i video riguardante la manifestazione dai quali si vede benssimo una piazza pacifica e stracolma e si vedono personaggi del calibro di Camilleri, Moni Ovadia e Ascanio Celestini. Soprattutto, però, non si sentono insulti a Napolitano (che una critica è cosa ben diversa). Sul Papa forse si sarebbero potuti usare toni un po' più dimessi, però va detto che la Guzzanti fa satira e che il Benedetto è un uomo e come tale non è infallibile. Insomma ne viene fuori che il primo girotondino della storia è stato Dante...
Per l'ennesima volta l'informazione di internet batte la disinformazione asservita al potere della televisione.

sabato 5 luglio 2008

Oroscopo

Voi puntate al massimo
risultato. Siete perfezionisti, non
potete accontentarvi delle briciole.
Ma essendo dei fondisti, una tappa
per velocisti non vi riguarda. Quindi
oggi non fate fatiche inutili. Siete
buoni economisti. Risparmiate
energie. Tutta l'Italia tifa per voi,
che siete umili e intelligenti.
Massima fiducia. Voto 7.

Direi evviva...