lunedì 14 luglio 2008

Il valore dell'informazione 2

Quante volte negli ultimi mesi abbiamo sentito dire che il nucleare è l'unica possibilità per l'indipendenza energetica del nostro paese? Quante volte abbiamo sentito dire che l'incenerimento e la discarica sono le uniche soluzioni per il problema dei rifiuti di Napoli?
I due quesiti sembrano scollegati fra di loro, ma in fondo c'è sempre un sostanziale problema di informazione. Ecco pochi fatti per farci un'idea di quel che sto dicendo.

Nucleare: maggioranza e opposizione sono d'accordo sul fatto che debbano essere costruite nuove centrali nucleari in Italia per produrre almeno il 20% dell'energia necessaria al Paese. Omettono di dire che per produrre questo famigerato 20% occorrerebbero la bellezza di una ventina di centrali nucleari (una per regione).
I nostri politici dicono che il nucleare costa poco e che tutti i paesi del mondo si stanno muovendo in questa direzione. Omettono di dire che in realtà costa poco se non si considera l'enorme costo per la costruzione delle centrali e ancora più grande costo per la loro dismissione. Mentono spudoratamente quando dicono che tutto il mondo va in questa direzione in quanto, ad esempio, Germania e Spagna puntano molto sulle rinnovabili (solare, eolico e idroelettrico) e stanno cercando di dismettere le loro centrali nucleari.
Dicono che le scorie non sono un problema. Infatti dobbiamo ancora smaltire quelle delle centrali costruite prima del referendum e i rifiuti ospedalieri radioattivi sono sempre un problema. Tutti dimenticano di dire che le centrali nucleari hanno bisogno di grandissime quantità d'acqua per il raffreddamento dei motori e in caso di siccità questi dovrebbero essere spenti. Nessuno dice che, se veramente al mondo si puntasse su questa tecnologia, probabilmente l'uranio sarebbe esaurito prima ancora del petrolio. Nessuno dice che in Italia abbiamo tanto uranio quanto petrolio e quindi resteremmo dipendenti dagli altri. Tutti si affrettano a dire che il nucleare è sicuro.

Nessuno dice che in Francia, due anni fa, la moria di anziani che c'è stata per il gran caldo è da attribuirsi al solo parziale funzionamento delle centrali dovuto proprio alla siccità.
Nessun telegiornale ha riportato in tempo reale la notizia dell'incidente successo in Francia (non in Corea o Lettonia) classificato come minimo ma che ha dimostrato ancora una volta la vera sicurezza degli impianti.
Nessuno ha riportato dell'incidente successo in Svezia dove per errore umano è stato dato fuoco al tetto della sala adiacente al reattore...

Caso spazzaura:
durante un dibattito di Radio 24 a Bertolaso, viene riportato il modo in cui vengono smaltiti i rifiuti a Tel Aviv e come dalla quasi totalità di questi vengano ricavate nuove materie prime ed energia con bel poco sforzo. Bertolaso replica chiedendo quanti rifiuti vengano smaltiti in questa maniera insinuando che non siano più di poche tonnellate al giorno. La risposta del sindaco di Tel Aviv è sorprendente perchè parla di quantità ben superiori a quelle di Napoli. Il sistema non prevede nessuna divisione da parte del citadino e la separazione viene effetuata successivamente in un impianto del tutto meccanizzato. Ciò nonostante, durante una conferenza col presidente del consiglio resterà dell'idea che quella è una soluzione non applicabile ai volumi di Napoli...
In Canada dai rifiuti viene ricavato Biodiesel. Avete mai sentito un giornalista che ne parlasse?

Nessun commento: